MondoNotizie
Notizie dal Mondo e dall'Italia - 24H

Cinema: Connery, Proietti, Morricone, ecco chi ci ha lasciato nel 2020

319

Il 5 febbraio se ne è andato una leggenda di Hollywood, l’attore Kirk Douglas, deceduto a 103 anni, dopo una carriera durata diversi decenni, protagonista di alcuni film mitici tra cui Orizzonti di gloria (1957) e Spartacus (1960). Anno buio per il cinema indiano: il 29 aprile, a soli 53 anni, è morto la stella di Bollywood, Irrfan Khan, noto per le sue parti in Slumdog Millionnaire (2008), Jurassic World e The Lunchox. Il 12 maggio la Francia ha detto addio a uno dei monumenti del cinema d’Oltralpe, Michel Piccoli, deceduto a 94 anni. Era stato anche regista, sceneggiatore e produttore cinematografico. Il 6 luglio, a 91 anni, è scomparso un ‘mostro sacro’, il compositore Ennio Morricone, autore di più di 500 colonne sonore che hanno segnato la storia del cinema, in particolare quelli del regista Sergio Leone.  Il 26 luglio si è spenta la decana di Hollywood, l’attrice Olivia De Havilland, 104 anni, passata alla storia per la parte di Melanie Hamilton in «Via col vento» (1939). Il 10 settembre è morta a 82 anni Diana Rigg, all’anagrafe Enid Diana Elizabeth Rigg, attrice britannica. In gioventù aveva ottenuto successo con il ruolo di Emma Peel nella serie televisiva Agente speciale e di Teresa Tracy Draco in Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà, mentre in età più avanzata è stata la Regina di Spine Olenna Tyrell nella serie Il Trono di Spade. Il 31 ottobre, all’età di 90 anni, se n’è andato un altro mito del cinema mondiale: l’attore e produttore scozzese Sean Connery. Sin dagli anni 60′ ha raggiunto la fama per la sua interpretazione di James Bond, riconosciuta dalla quasi unanimità della critica e del pubblico come la migliore in assoluto. Ha vinto un premio Oscar, tre Golden Globe e due Bafta. Il 22 dicembre la Francia ha perso un’altra star del cinema d’Oltralpe: Claude Brasseur, 84 anni, attore versatile, protagonista di oltre 100 film che hanno costellato una carriera di successo cominciata in teatro nel 1955. Il 2 novembre l’Italia piange Gigi Proietti, figlio di Roma. L’attore è riuscito a trasmettere valori, emozioni, amore alla gente. Proietti è stato ricordato come coluit che ha saputo usare il suo talento sempre in modo propositivo.