MondoNotizie
Notizie dal Mondo e dall'Italia - 24H

Ex Ilva: Ugl, ‘Parte il confronto ma non si entra nel merito’

343

Si è concluso l’incontro, presso Confindustria Nazionale Roma sulla vertenza Ex Ilva alla presenza del management di Arcelor Mittal  e Invitalia. Per l’Ugl Metalmeccanici hanno partecipato il Segretario  Nazionale Antonio Spera, Francescangeli Daniele Segretario Nazionale con delega alla Siderurgia unitamente ai segretari territoriali Ugl di Taranto, Concetta Di Ponzio e Alessandro Calabrese. I lavori avviati ed illustrati dall’AD Morselli sul piano industriale partono dalla produzione, illustrando gli impianti principali in attività e quelli che andranno in manutenzione; le attività degli ordini del Forno 5 che sono partite, la costruzione del forno elettrico ch’è in programmazione progettuale per poi essere presentata al ministero dell’Ambiente per la richiesta e successiva approvazione . La produzione parte da 3 milioni di tonnellate per arrivare a 5 milioni nel 2021. Si pensa di riaprire l’acciaieria1, e a seguire i Treni nastri. La novità del piano è la riapertura del tubificio ERV il quale è stato certificato nonostante fosse un impianto chiuso – ribadisce l’A.D. Morselli –, un risultato da evidenziare. A seguire l’illustrazione degli interventi ambientali in essere. In merito al personale , le assunzioni di Ilva in Arcelor è di  10605 lavoratori. Questa convocazione nasce dall’esigenza di coinvolgere il sindacato e condividere un metodo di lavoro con gli addetti ai lavori stabilendo un programma. L’Ugl Metalmeccanici, a nome del Segretario Nazionale Spera, ha affermato e fortemente ribadito che: ”richiediamo di entrare nel dettaglio del piano industriale facendo un’analisi che sia realmente congiunta, e che coinvolga l’intera forza lavoro, partendo dai lavoratori in Cigs, in carico all’amministrazione straordinaria dei quali si è persa traccia nelle attuali discussioni”.