MondoNotizie
Notizie dal Mondo e dall'Italia - 24H

Ha paura del coronavirus e si nasconde per tre mesi in aeroporto, denunciato

231

Un uomo della California è stato arrestato sabato e accusato di essersi nascosto in un’area riservata dell’aeroporto internazionale O’Hare di Chicago per tre mesi. L’uomo ha detto alla polizia che il COVID-19 lo aveva reso troppo spaventato per tornare a casa in California, quindi si è nascosto in aeroporto, sopravvivendo con il cibo fornito da estranei, ha riferito l’Associated Press.

Il personale della United Airlines ha individuato Aditya Singh di 36 anni e ha richiesto l’identificazione. Hanno detto che si è tolto la maschera e ha presentato un badge, che apparteneva a un responsabile delle operazioni aeroportuali che ne ha denunciato la scomparsa lo scorso ottobre, secondo il Chicago Tribune.

Singh affronta accuse di reato per violazione di domicilio in un’area riservata di un aeroporto e furto. La giudice della contea di Cook Susana Ortiz ha fissato la cauzione a $ 1.000. Ha anche detto che se avesse trovato i soldi, gli sarebbe stato proibito di tornare in aeroporto, ha riferito AP.

L’udienza si è svolta domenica, quando il giudice era preoccupato per il fatto che un individuo fosse rimasto inosservato in un’area protetta per così tanto tempo.

“La corte trova questi fatti e circostanze abbastanza scioccanti per il presunto periodo di tempo in cui ciò si è verificato”, ha detto Ortiz. “Essendo in una parte protetta dell’aeroporto presumibilmente con un falso tesserino di identificazione, in base alla necessità che gli aeroporti siano assolutamente sicuri in modo che le persone si sentano sicure durante il viaggio, trovo che quelle presunte azioni lo rendano un pericolo per la comunità”.